Laser

Epilazione Laser Uomo Donna

Cos’è il laser al diodo e come funziona?

Il laser al diodo è un tipo di laser che emette una luce monocromatica e coerente con una lunghezza d’onda di 808 nm. Questa luce è in grado di penetrare in profondità nella pelle e di raggiungere il follicolo pilifero, dove si trova la melanina, il pigmento che dà colore al pelo.

La melanina assorbe la luce del laser e si trasforma in calore, provocando la distruzione del follicolo e impedendo la ricrescita del pelo. Il laser al diodo è quindi un metodo di epilazione permanente, ma progressivo, nel senso che i risultati definitivi si ottengono dopo un certo numero di sedute, a seconda del tipo di peluria e di pelle del soggetto²³.

Il laser al diodo è uno dei tre sistemi di epilazione laser, insieme al laser aleksandrite e al laser Nd:YAG. Rispetto agli altri due, il laser al diodo ha il vantaggio di essere più efficace sui peli scuri e spessi, tipici delle persone con carnagione mediterranea¹. Inoltre, ha una maggiore penetrazione nella pelle e una minore dispersione della luce, il che lo rende più sicuro e meno doloroso³.

Quali sono i benefici dell’epilazione con il laser al diodo?

L’epilazione con il laser al diodo offre numerosi vantaggi rispetto ai metodi tradizionali come la ceretta, il rasoio o le creme depilatorie. Vediamoli insieme:

  • Risparmio economico e temporale: Nonostante il costo del trattamento sia maggiore rispetto alle soluzioni tradizionali, a lungo andare si rivela un ottimo investimento, considerando che non ci si dovrà più preoccupare dell’acquisto di rasoi, creme depilatorie, etc. Senza contare ovviamente i costi degli appuntamenti per la ceretta. Inoltre, le sedute con il laser sono rapide: per esempio una zona piccola come le ascelle viene trattata in 20 minuti circa.
  • Addio irritazioni e peli incarniti: Il trattamento con il laser al diodo elimina definitivamente il problema dei peli incarniti (follicolite), che possono causare infiammazioni, arrossamenti e cicatrici. Inoltre, non provoca irritazioni o allergie sulla pelle, a differenza dei metodi tradizionali che possono danneggiare lo strato superficiale dell’epidermide.
  • Risultati duraturi ed estetici: L’epilazione con il laser al diodo garantisce un diradamento del 70-80% dei peli dopo le sedute previste. I peli che eventualmente ricrescono sono più fini e chiari e quindi meno visibili. Inoltre, la pelle risulta più liscia e morbida grazie alla stimolazione della produzione di collagene ed elastina indotta dal calore del laser.
  • Adattabilità a diverse zone del corpo: Il laser al diodo può essere usato su diverse zone del corpo, sia grandi che piccole. Tra le più richieste ci sono le gambe, le ascelle, l’inguine, i baffetti, il mento e le braccia. Il trattamento è adatto sia alle donne che agli uomini che vogliono eliminare l’eccessiva peluria.
Come nasce il laser al diodo?

Il laser al diodo nasce negli anni ’90 come evoluzione dei primi laser usati in campo medico ed estetico. Il termine “diodo” si riferisce al componente elettronico che permette di condurre la luce e il calore del laser³.

Il primo brevetto per un’apparecchiatura per l’epilazione con il laser al diodo risale al 1995 ed è stato depositato da Palomar Medical Technologies Inc., una società statunitense specializzata in dispositivi medici ed estetici basati sulla luce⁴.

Da allora, la tecnologia del laser al diodo si è evoluta e perfezionata grazie alla ricerca scientifica e all’innovazione tecnologica. Oggi esistono diverse tipologie di laser al diodo che differiscono per la lunghezza d’onda (808 nm, 810 nm, 940 nm), la potenza (da 600 W a 2000 W), il sistema di raffreddamento (aria, acqua o gel) e la modalità di emissione (continua o pulsata)³.

Come si utilizza il laser al diodo?

L’utilizzo del laser al diodo richiede una valutazione preliminare da parte dell’operatore qualificato che dovrà effettuare il trattamento. Questa valutazione serve a stabilire il numero delle sedute necessarie, la potenza da impostare sul dispositivo e le eventuali controindicazioni o precauzioni da seguire.

In generale, le sedute variano da 10 a 12 a seconda della zona da trattare, del tipo di pelo e della reattività individuale. La potenza dipende dalla carnagione della pelle: più scura è la pelle, più bassa sarà la potenza per evitare ustioni o iperpigmentazioni.

Le controindicazioni riguardano principalmente le persone con peli chiari (rossi, biondi o bianchi), per le quali il trattamento è meno efficace o richiede una tecnica diversa da parte del medico². Altre situazioni in cui il trattamento è sconsigliato sono:

  • Gravidanza o allattamento
  • Epilessia
  • Portatori di pacemaker
  • Prottesi metalliche o impianti sottocutanei
  • Infezioni cutanee o herpes simplex
  • Angina o tromboflebiti
  • Uso della pillola contraccettiva
  • Emofilia o psoriasi
  • Mestruazioni
  • Escoriazioni o abrasioni della pelle
  • Altre patologie specifiche²³

Prima della seduta è necessario rasare i peli nella zona da trattare con un rasoio usa e getta. Questo serve a facilitare la penetrazione della luce del laser nel follicolo senza disperdere energia sulla superficie della pelle.

Durante la seduta l’operatore applica l’estremità del manipolo sulla pelle e fa scorrere lentamente il dispositivo sulla zona da trattare. Il manipolo emette dei brevi impulsi luminosi che colpiscono i peli presenti nella fase anagen (di crescita attiva). La sensazione percepita dal paziente è simile a quella di un leggero pizzicore o a quella di una gomma elastica che schiocca sulla pelle.

Dopo la seduta è possibile riprendere le normali attività quotidiane senza particolari accorgimenti. Si consiglia solo di evitare l’esposizione solare diretta per qualche giorno e di usare una crema idratante con fattore protettivo sulla zona trattata.

Le sedute vanno ripetute ogni 4-6 settimane circa.

In quanto tempo si ottengono i risultati con il laser al diodo?

I risultati dell’epilazione con il laser al diodo si vedono già dalla prima seduta. Infatti, dopo qualche giorno dal trattamento si assiste a una caduta spontanea dei peli colpiti dal laser. Questo fenomeno è chiamato “effluvio” ed è dovuto alla distruzione del follicolo.

Tuttavia, per ottenere un risultato definitivo e duraturo sono necessarie più sedute, in quanto il laser agisce solo sui peli in fase anagen, che rappresentano circa il 20-30% della peluria totale. Le altre fasi del ciclo vitale del pelo sono la fase catagen (di transizione) e la fase telogen (di riposo), in cui il pelo non è sensibile al laser.

Per questo motivo le sedute vanno ripetute a intervalli regolari.

Il numero totale delle sedute dipende anche dalla reattività individuale e dalla densità dei peli. In generale si possono ottenere risultati soddisfacenti con 4-6 sedute per le zone piccole e 6-12 sedute per le zone grandi.

Quali sono le differenze tra il laser estetico e il laser medico?

Spesso si sente parlare di laser estetico e laser medico come se fossero due categorie diverse di dispositivi per l’epilazione. In realtà, la differenza non sta nel tipo di laser usato, ma nel tipo di operatore che lo utilizza.

Il laser estetico è quello usato nei centri estetici qualificati da operatori specializzati che hanno seguito una formazione specifica sul funzionamento e sull’uso del dispositivo. Il laser medico è quello usato nei centri medici o nelle cliniche da medici esperti che hanno una competenza clinica e chirurgica sul trattamento.

Entrambi i tipi di laser possono ottenere gli stessi risultati in fatto di epilazione permanente, purché siano usati correttamente e in base alle caratteristiche del paziente. La differenza sta nel fatto che il laser medico può essere usato anche per trattare patologie dermatologiche o vascolari che richiedono una diagnosi e una terapia medica.

Inoltre, il laser medico può essere usato anche su peli chiari o su pelli scure che richiedono una maggiore attenzione e una tecnica diversa da parte del medico. Il laser estetico, invece, è più adatto a peli scuri e spessi e a pelli chiare o medie.

Come si inserisce il laser al diodo all’interno di un metodo di lavoro?

L’epilazione con il laser al diodo per donne, così come per gli uomini, non è solo un trattamento isolato, ma si inserisce all’interno di un metodo di lavoro che prevede una consulenza personalizzata, un’analisi della pelle e dei peli, un piano di trattamento su misura e un follow-up costante.

Questo metodo di lavoro ha lo scopo di garantire la massima efficacia e sicurezza del trattamento, oltre che la soddisfazione del cliente. Il nostro metodo si chiama EPILAZIONE SICURA. Vediamo nel dettaglio le fasi di questo metodo:

  • Consulenza personalizzata: Si tratta di un colloquio preliminare tra l’operatore e il cliente in cui si valutano le aspettative, le esigenze e le eventuali controindicazioni al trattamento. In questa fase si spiega al cliente come funziona il laser al diodo, quali sono i benefici e i rischi, come prepararsi alla seduta e come comportarsi dopo.
  • Analisi della pelle e dei peli: Si tratta di un’analisi oggettiva della pelle e dei peli del cliente in base a parametri come il fototipo (la carnagione), il grado di melanina (il pigmento), la densità (il numero dei peli per cm2), lo spessore (il diametro dei peli) e la fase di crescita (anagen, catagen o telogen). Questa analisi serve a stabilire la potenza del laser da impostare sul dispositivo e il numero delle sedute necessarie.
  • Piano di trattamento su misura: Si tratta di un piano personalizzato in base ai risultati dell’analisi della pelle e dei peli. Il piano prevede la definizione della zona da trattare, la frequenza delle sedute, la durata del trattamento e il costo totale. Il piano viene concordato con il cliente e può essere modificato in base alla sua reattività.
  • Follow-up costante: Si tratta di un monitoraggio continuo dell’andamento del trattamento da parte dell’operatore. Il follow-up prevede la verifica dei risultati ottenuti dopo ogni seduta, la valutazione dell’eventuale comparsa di effetti collaterali o indesiderati, la correzione della potenza del laser se necessario e la raccolta del feedback del cliente.

Il metodo di lavoro EPILAZIONE SICURA permette di offrire al cliente un servizio professionale, trasparente e personalizzato che tiene conto delle sue caratteristiche fisiche e delle sue aspettative.

Come scegliere il centro estetico più adatto a te?

Se hai deciso di provare l’epilazione con il laser al diodo uomo, o donna, devi scegliere con cura il centro estetico in cui affidarti. Non tutti i centri estetici sono uguali e non tutti offrono lo stesso livello di qualità e sicurezza.

Ecco alcuni criteri da tenere in considerazione per scegliere il centro estetico più adatto a te:

  • Qualificazione dell’operatore: L’operatore che effettua il trattamento deve essere qualificato e specializzato nell’uso del laser al diodo. Deve aver seguito una formazione specifica sul funzionamento e sull’uso del dispositivo e deve essere in grado di valutare le caratteristiche del cliente e impostare la potenza adeguata. Deve anche essere in grado di gestire eventuali emergenze o complicazioni.
  • Certificazione del dispositivo: Il dispositivo usato per il trattamento deve essere certificato secondo le normative vigenti in materia di sicurezza ed efficacia. Deve essere dotato di un sistema di raffreddamento adeguato per evitare ustioni o danni alla pelle. Deve anche essere sottoposto a manutenzione regolare per garantire il suo corretto funzionamento.
  • Igiene del centro: Il centro estetico deve rispettare le norme igieniche previste per questo tipo di attività. Deve avere ambienti puliti e disinfettati, materiale monouso o sterilizzato, guanti e occhiali protettivi per l’operatore e per il cliente. Deve anche avere una polizza assicurativa per coprire eventuali danni o responsabilità.
  • Reputazione del centro: Il centro estetico deve avere una buona reputazione sul mercato e tra i clienti. Puoi informarti sulla qualità del servizio offerto leggendo le recensioni online o chiedendo consigli a persone che hanno già provato il trattamento. Puoi anche visitare il sito web del centro o i suoi profili social per vedere le foto dei risultati ottenuti.
Come prepararti al trattamento?

Prima di sottoporsi al trattamento con il laser al diodo ci sono alcune precauzioni da seguire per evitare complicazioni o ridurre l’efficacia del trattamento. Ecco alcuni consigli:

  • Evita l’esposizione solare diretta o l’uso di lampade abbronzanti per almeno due settimane prima della seduta. Questo serve a evitare che la pelle sia troppo abbronzata o irritata dal sole, il che potrebbe aumentare il rischio di ustioni o iperpigmentazioni.
  • Evita l’uso di creme depilatorie, cerette o pinzette per almeno quattro settimane prima della seduta.
  • Rasa i peli nella zona da trattare con un rasoio usa e getta il giorno prima della seduta. Questo serve a facilitare la penetrazione della luce del laser nel follicolo senza disperdere energia sulla superficie della pelle.
  • Evita l’uso di profumi, deodoranti, creme o oli sulla zona da trattare il giorno della seduta. Questo serve a evitare che i prodotti chimici interferiscano con il laser o causino irritazioni sulla pelle.
  • Indossa abiti comodi e larghi che non sfreghino sulla zona trattata. Questo serve a evitare che la pelle si infiammi o si infetti dopo il trattamento.
Cosa fare dopo il trattamento?

Dopo il trattamento con il laser al diodo ci sono alcune accortezze da seguire per favorire la guarigione della pelle e mantenere i risultati ottenuti. Ecco alcuni consigli:

  • Applica una crema idratante con fattore protettivo sulla zona trattata per almeno una settimana dopo la seduta. Questo serve a idratare e proteggere la pelle dal sole e dagli agenti esterni.
  • Evita l’esposizione solare diretta o l’uso di lampade abbronzanti per almeno due settimane dopo la seduta. Questo serve a evitare che la pelle si scurisca o si macchi a causa del laser.
  • Evita l’uso di creme depilatorie, cerette o pinzette tra una seduta e l’altra. Questo serve a evitare di interferire con il ciclo di crescita dei peli e di compromettere l’efficacia del laser.
  • Non strappare o grattare i peli che cadono spontaneamente dopo il trattamento. Questo serve a evitare di danneggiare la pelle o di provocare infezioni. Lascia che i peli cadano da soli in modo naturale.
  • Segui le indicazioni dell’operatore per le sedute successive. Questo serve a rispettare i tempi e le modalità del piano di trattamento personalizzato e a ottenere i migliori risultati possibili.

Conclusione

In questo articolo ti ho parlato del laser al diodo usato in campo estetico per l’epilazione, una tecnologia innovativa e sicura che ti permette di eliminare i peli superflui in modo permanente e indolore.

Ti ho spiegato come nasce, come si utilizza, in quanto tempo si ottengono risultati e quali sono i benefici di questa tecnologia. Ti ho mostrato anche come il laser al diodo si inserisce all’interno di un metodo di lavoro efficace e personalizzato per le tue esigenze come il nostro EPILAZIONE SICURA.

Ti ho dato anche alcuni consigli su come scegliere il centro estetico più adatto a te e come prepararti al trattamento.

Spero di averti convinto a provare l’epilazione con il laser al diodo con il metodo EPIALZIONE SICURA da noi proposto.

Per richiedere una consulenza presso il nostro centro estetico JBC Jasmine Beauty Clinic puoi lasciare i tuoi dati qui sotto e sarai ricontattata al più presto da una collega oppure chiamare direttamente lo 0522865852

Ti aspettiamo per offrirti il meglio della nostra professionalità e competenza nel campo del benessere e dell’estetica.

Grazie e apresto

Prenota il tuo trattamento

Se non sei ancora nostra cliente avrai diritto ad un ulteriore sconto.